Main partner:

GDPR, prime cause di violazione: denunciate Google e Facebook

Intanto Marc Pritchard, sul palco di VivaTech, dice la sua sul tema del sovraffollamento pubblicitario e sui suoi effetti. Ne parliamo nella nostra rassegna

di Alessandra La Rosa
26 maggio 2018
google-facebook

La prima causa post-GDPR, rivolta a due big di internet, le dichiarazioni di Marc Pritchard sul sovraffollamento pubblicitario e un nuovo contenitore monetizzabile di Google. Ecco cosa ci riserva oggi la nostra rassegna.

GDPR, prime cause di violazione: denunciate Google e Facebook

Nel giorno in cui è entrato ufficialmente in vigore il GDPR, un gruppo attivista austriaco chiamato None Of Your Business (Noyb) ha avviato una causa nei confronti di Google e Facebook, accusandoli di obbligare gli utenti a condividere i loro dati personali. Secondo il gruppo, le due società (Google per il sistema operativo Android e Facebook per la sua app e per i servizi di Instagram e Whatsapp) richiederebbero il consenso all’uso dei dati affermando che, in caso contrario, i loro prodotti non potranno più essere utilizzati dagli utenti. Qualora la causa venisse vinta, Facebook potrebbe arrivare a pagare 3,9 miliardi di euro e Google 3,7 miliardi. Leggi di più su The Verge.

Marc Pritchard (P&G): «Troppi annunci infastidiscono gli utenti»

«Ci sono troppi annunci pubblicitari. E questo infastidisce i consumatori»: lo ha dichiarato il chief brand officer di P&G Marc Pritchard in occasione dell’evento VivaTech in Paris. Il bombardamento di pubblicità comporta non solo un impatto negativo nei confronti degli utenti, ma anche un reale spreco di investimenti. Per questo, ha spiegato il manager, P&G ha da tempo avviato quattro azioni per riottenere il controllo dei dati e reinventare la propria strategia adv, agendo sul media, sulla tipologia di messaggio pubblicitario, sulle relazioni con le agenzie e sui valori dei brand. Leggi di più su Campaign.

Su Google Feed arriva la pubblicità

Una nuova property di Google diventa monetizzabile. Si tratta di Google Feed (ex Google Now), il feed di contenuti personalizzati presenti sulla home page dell’app mobile di Google. Big G ha iniziato a testare annunci native all’interno del contenitore, visibili da questa settimana. Simili ai normali post presenti nel feed, gli annunci contengono un’immagine, uno slogan e una descrizione, ma sono riconoscibili grazie all’aggiunta di un’icona “Ad”, la stessa che appare negli annunci sul motore di ricerca di Google, e della URL dell’inserzionista. Leggi di più su Marketing Land.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter