Main partner:

Retargeting sulla base delle attività offline dell’utente: la novità di Facebook

Sul social è ora possibile creare Custom Audiences sulle persone che hanno visitato un negozio, acquistato in-store o telefonato al call center di un brand

di Alessandra La Rosa
22 settembre 2017
facebook

Si ampliano le possibilità di retargeting offerte da Facebook. Sul social network, adesso, è infatti possibile intercettare gli utenti sulla base di quello che fanno nel mondo reale.

Dopo una prima fase di test, Facebook ha ufficialmente lanciato uno strumento che consente alle aziende di targettizzare le campagne su persone che hanno visitato in passato i loro negozi fisici, che hanno effettuato acquisti in-store o che hanno telefonato ai loro negozi o call center.

La novità, che è stata annunciata da Facebook tramite un blog post ufficiale, va ad arricchire l’offerta di soluzioni di targeting di Facebook Custom Audiences, nata inizialmente per raccogliere le informazioni sul comportamento degli utenti fuori da Facebook e applicarle per affinare l’acquisto di pubblicità sulla piattaforma, ma poi ampliatasi alla copertura dei vari modi in cui un utente interagisce con un’azienda, online e ora anche offline, e al targeting di pubblicità al di fuori dell’app, su Instagram e su Audience Network.

In effetti, la possibilità di fare retargeting sulla base delle precedenti interazioni offline tra brand e utenti non è una novità su Facebook. Ora però è molto più semplice. Prima, per creare una Custom Audience, era necessario inserire manualmente informazioni quali l’acquisto di un prodotto in un negozio fisico o la telefonata al call center, mentre ora il processo è completamente automatizzato. Quanto alle visite degli utenti in-store, già in passato era possibile registrarle tramite uno strumento apposito di Facebook, chiamato Store Visits Reporting, una stima delle presenze in negozio basata sulla registrazione della posizione geografica degli utenti con servizi di localizzazione attivi sullo smartphone. Lo strumento veniva inizialmente utilizzato per misurare l’influenza delle campagne sulle visite in negozio, e ora potrà essere usato anche per retargettizzare un utente.

Tutto ruota attorno alla Offline Conversions API lanciata lo scorso anno da Facebook, che può essere integrata all’interno del sistema di tracking di un negozio o un call center per raccogliere automaticamente le informazioni registrate e creare o aggiornare Custom Audience in tempo reale.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter