Main partner:

Aumenta la spesa in Programmatic: +25,4% nel 2017. Le stime globali di Dentsu Aegis Network

Il mercato crescerà di un ulteriore 22,4% nel 2018. Il tema caldo dell’anno? L’offline. Intanto la holding pubblicitaria nomina il suo primo Global Data Protection Officer

di Alessandra La Rosa
16 giugno 2017
Programmatic-spesa

Quest’anno il mercato programmatico crescerà del 25,4% a livello globale, e nel 2018 seguirà un trend positivo lievemente più contenuto, +22,4%. A rivelarlo sono le ultime stime di Dentsu Aegis Network.

La holding pubblicitaria prevede che quest’anno uno dei principali temi caldi per il settore sarà quello del programmatic offline, con la tv che comincerà ad esplorare e sperimentare questa modalità di vendita.

Le principali sfide per il mercato rimangono brand safety, frodi, viewability e misurazioni, criticità non nuove per il Programmatic, ma recentemente tornate a far parlare di sé dopo alcuni incidenti che hanno colpito grosse media company come YouTube e Facebook. Molti dei principali proprietari di piattaforme hanno annunciato la volontà di applicare nuove più severe misure per una maggiore trasparenza sulle soluzioni a disposizione dei clienti, ma resta ancora molto lavoro da fare per tranquillizzare le aziende sulla sicurezza degli acquisti automatizzati.

“Per assicurare la crescita a lungo termine di programmatic, social e video online – spiega la holding in una nota -, gli inserzionisti devono sentirsi sicuri che i loro brand appariranno su contesti brand safe; che le misurazioni delle loro azioni siano accurate; che utenti reali, non bot, visualizzino le loro campagne e spot; e che l’ambiente digitale su cui loro pianificano aderisca ai loro valori professionali”.

Dentsu Aegis Network nomina il suo primo Global Data Protection Officer

Tra i temi caldi del Programmatic, però, c’è anche quello della raccolta dei dati, un campo che si prepara a nuove dinamiche in seguito all’entrata in vigore del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (General Data Protection Regulation – GDPR) promosso dalla Commissione Europea per rafforzare e unificare la protezione dei dati personali entro i confini del continente e per regolare la loro esportazione.

Per prepararsi a questa trasformazione, che vedrà un’attenzione maggiore alla tutela della privacy degli utenti nella raccolta e gestione dei dati, Dentsu Aegis Network ha appena annunciato la creazione del nuovo ruolo di Global Data Protection Officer. A ricoprirlo sarà Mark Keddie, ex Chief Privacy Officer di British Telecom Group ed esperto di privacy e protezione dei dati.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter